MioMatrimonio

 
acconciatura ristorante matrimonio Bomboniere Budget matrimonio La Sposa Tema matrimonio Forum
Estetica Organizzare Bomboniere Risparmiare Sposa Il Tema Forum

Questo progetto si rivolge alle sempre più numerose coppie di sposi che nel giorno più bello della loro vita non dimenticano coloro che invece sono meno fortunati...

Fiavet Piemonte-Valle d'Aosta e il progetto
'Un Regalo che regala felicità'

Propone di abbinare un'iniziativa umanitaria ai viaggi di nozze

 

Nella foto A380 Il Comitato italiano per il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite lancia il progetto "Un Regalo che regala felicità" in collaborazione con la Fiavet Piemonte - Valle D'Aosta. Il progetto, che verrà presentato il 21 maggio presso l'Assessorato al Turismo della Regione Piemonte alla presenza dell’assessore, Giuliana Manica, Marina Catena, funzionaria del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite, Carlo Bortott, presidente Fiavet Piemonte - Valle D’Aosta, e Enrico Carità, referente per il Piemonte del Comitato Italiano per il PAM, si propone di abbinare una iniziativa umanitaria ai viaggi di nozze. “Questo progetto” spiega Catena che ha fortemente voluto questa iniziativa “si rivolge alle sempre più numerose coppie di sposi che nel giorno più bello della loro vita non dimenticano coloro che invece sono meno fortunati, in questo caso gli oltre 850 milioni di persone che soffrono la fame. Oggi, agli sposi è data la possibilità, mentre organizzano il loro viaggio di nozze, di fare un gesto concreto di solidarietà a favore di quei milioni di bambini che ogni giorno vanno a letto affamati”. Gli sposi possono sostenere il programma di alimentazione scolastica del PAM prenotando in un’agenzia Fiavet il loro viaggio di nozze: bastano 29 euro per sfamare e far studiare un bambino per un anno intero. Anche l’agenzia di viaggi farà la sua parte e raddoppierà la donazione, contribuendo alla raccolta di fondi a favore di coloro che soffrono la fame.

“Con questa iniziativa la Fiavet e le agenzie di viaggi vogliono proseguire sulla strada di condivisione dello sviluppo di un turismo di cultura e conoscenza dei popoli” afferma Carlo Bortott “lavorando concretamente sugli aspetti che rispondono ad una visione fortemente positiva: il turismo deve favorire un interscambio che sia al tempo stesso aiuto economico e strumento di difesa dai tristi fenomeni di sfruttamento, come quello dei minori, per i quali la Fiavet è già impegnata in un’azione concreta con le altre organizzazioni del settore”.

Tratto da: Guidaviaggi



Cerca

Giochi Ricevimento

Giochi per il Ricevimento!

Il Vostro Rapporto

Come mantenere un rapporto forte e duratorio!

Facebook Google+LinkedInPinterestRSSTwitter